closeQuesto articolo è stato pubblicato 6 anni 17 giorni giorni fa quindi alcuni contenuti o informazioni presenti in esso potrebbero non essere più validi; Questo sito non è responsabile per eventuali errori o scelte effettuate sulla base delle informazioni fornite.

Cosa non fare assolutamente quando si incarica una agenzia della promozione del proprio immobile?

1) Nascondere informazioni: ogni informazione importante nascosta all’agente non è un vantaggio, ma un danno quasi sicuro in fase di trattativa, non ti porterà vantaggi, anzi, probabilmente farà saltare trattative, renderà l’immobile “bruciato” e danneggerà perfino l’agente immobiliare.

2) Avere la casa in disordine al momento delle foto: Quando chiami l’agente a casa per fare le fotografie da inserire negli annunci o nelle schede, sarà bene sistemare al meglio casa propria, per chi vuole risultati ancora più professionali e veloci si può anche pensare a servizi di Home staging.

3) Dare la casa a più agenzie senza coordinarle: non ti consiglieremo di dare una casa a una agenzia solamente, che anche secondo noi è una buona cosa solo in determinate condizioni, cioè dove l’agenzia è inserita in circuiti di collaborazione organizzati, ma se darai la casa a più agenzie dovrai coordinare bene le informazioni e il modo in cui promuovono l’immobile, almeno nelle informazioni più “popolari”: la descrizione oggettiva e il prezzo devono corrispondere, l’annuncio può esser diverso ma le informazioni devono esser le stesse, quindi attenzione al prezzo, che deve esser identico per tutte le agenzie, e attenzione che ogni agenzia indichi quella che è una soffitta di diritto, come soffitta, anche se è con accessori, pavimentata, se ci hai fatto la camerina ecc. .

4) Fare un annuncio da privato dopo averlo dato ad agenzie: Fare un annuncio privato dopo averlo dato ad agenzie è un messaggio a doppio taglio, comunica cose non positive agli interessati, meglio da soli del tutto, nel caso non si voglia rinunciarci.

5) Fare un annuncio da privato con prezzo “decurtata provvigione”: Seguendo il principio del punto 3, chiaramente anche tu dovrai porre attenzione a mettere un annuncio che segua gli stessi consigli: prezzo uguale alle agenzie e descrizione oggettiva devono ricondurre allo stesso immobile, la trattativa è inevitabile, specie oggi in fase “buyers”, quindi intestardirsi su cifre irremovibili è inutile e dannoso; ancora più dannoso è metterlo a cifre più basse delle agenzie, chi cerca casa cerca ovunque e fa alla svelta a trovare il tuo immobile in vetrina o negli annunci delle agenzie a 150mila euro, e trovare il tuo annuncio privato a 147mila euro: il risultato sarà che ti offrirà ancora meno (“risparmi” già la provvigione e quindi cosa vuoi?) e sarai senza l’appoggio dell’agenzia, che è sicuramente il modo migliore di perdere affari possibili, quindi non risparmierai alcuna provvigione, visto che rinuncerai a un servizio e potrai perdere un affare: oggi giorno più che mai l’agenzia è importantissima.

Concludendo, tre punti:

  1. Se non ti fidi delle agenzie, o hai deciso di non affidartici seguendo almeno i principii sopra, meglio fare da soli.
  2. Il prezzo lo si fa in sede di trattativa, se vuoi cifre irremovibili assicurati che siano cifre sostenibili o risparmia tempo, oggi non è più tempo per cercare di vincere la lotteria vendendo immobili.
  3. Non sempre cercando di risparmiare si guadagna.